Le maggiori difficoltà economiche delle famiglie si riflettono anche sulla qualità di vita degli animali da affezione.
Si può pensare che qualcuno in grande difficoltà decida di “liberarsi” del proprio cane (o gatto); fatto che non ha nulla a che vedere con la crisi ma piuttosto con l’educazione.
Fino ad ora abbiamo riscontrato un incremento di ingressi di cani non identificati rimasti presso il canile perché impossibilitati a risalire al proprietario.
Identificare il proprio cane è obbligatorio ai sensi della L.R. 18 del 2004 e chiunque non identifichi il proprio animale è sanzionabile.
L’identificazione avviene oggi tramite microchip presso il veterinario di fiducia oppure presso la ASL di competenza ad un costo di circa 3 €.
Identificare il proprio cane, oltre ad un gesto di responsabilità, consente di rintracciare rapidamente il proprio animale in caso di smarrimento e ad evitare sanzioni da parte della Polizia Municipale e dalle guardie ecozoofile.

La capacità di gestire un cane deve essere subordinata al possesso di requisiti morali, sociali ed economici tali da garantirne il benessere e la corretta detenzione.

Concludendo, mantenere un cane in canile è un costo per tutti i cittadini, anche per quelli che un cane non lo hanno: RICORDIAMOCELO!

PER IDENTIFICARE I VOSTRI AMICI e anche per variazioni di residenza e cessione:

ASL di Arona – piazza De Filippi 2 0322/516516
ASL di Borgomanero – viale Zoppis 6 0322/848362

Share Button